Autunno, dacci un taglio

rami secchi

Io mediocrità vs eccellenza, e tu?

“Sempre verde non può essere l’età…” cantavano i Nomadi in Vagabondo. E infatti è proprio così, e aggiungo fortunatamente, cresciamo, evolviamo, maturiamo per diventare sagge ed essere dei fari per le generazioni future.

Come donne, oltre ai cicli lunari, siamo particolarmente connesse alla natura…se ce lo permettiamo, e possiamo fare in modo di trasformarci insieme a “lei”.

Per questo oggi voglio scrivere su come possiamo allinearci alle energie dell’autunno, la stagione in cui nel nostro emisfero le piante lasciano cadere le foglie, in cui il buio diventa più lungo della luce e gli orsi entrano per un lungo periodo a sognare nelle grotte.

Così ti racconto il mio guadagno fresco fresco rispetto al lasciar andare. Devi sapere che oramai mi sono “rassegnata” a formarmi e ad aggiornarmi per sempre, e anche se a volte mi sembra di sostenere ritmi surreali, davvero nel profondo so che questo è parte della mia crescita e mi dà tantissimo nutrimento.

Insomma, nell’ultimo anno dovevo “materializzare” 18 chiamiamole “supervisioni”, esperienze monitorate in cui all’interno di un gruppo svolgevo uno specifico ruolo. Superate le supervisioni avrei potuto dare un test scritto e poi uno pratico. Molte supervisioni erano vincolate ad essere tenute da alcune insegnanti che vengono dall’Arizona, non esattamente dietro l’angolo…quindi posso dire che mi sono data brillantemente da fare in questo anno, creando io stessa delle occasioni di raduno per poter essere monitorata, spostandomi per l’Italia e affidando anche allo “spirito”, all’”universo”, o come ti piace chiamarlo la mia fiducia a far accadere le cose.

Naturalmente tutto questo in mezzo alla normale mole di impegni che mi ero presa quest’anno. Per farla breve, a luglio ho tutti i requisiti per dare il test scritto, quindi dopo intenso studio dall’inglese dò il test e lo passo! Evviva!! Ora manca l’ultimo step.

La data per il pratico è a novembre in un’altra città in un giorno infrasettimanale. Così è. Questa è la realtà oggettiva e da qui si parte.

Ed eccolo li, nascosto, subdolo, meschino…il sabotatore del successo!! Già, perché dopo le fatiche di Ercole arrivo alla fine e…? Rischio di far fallire tutto?

Ti chiederai di costa sto parlando…

Ora ti spiego.

Devo preparare un invito, scegliere un tema e invitare persone, tutto qua. E invece…bloccata. Giornate intere in cui svicolo l’attenzione su altro, se solo penso di mettermi li a scrivere mi viene repulsione, energia persa a volontà.

Finchè mi sono fermata e in tutta onestà mi sono chiesta: ma è davvero così che voglio affrontare questa sfida? Nessuno me l’ha imposta! Sono io che ho scelto di mettermi sul bordo, proprio per migliorarmi come leader….e allora cos’è sto sottofondo di m….a? (era un francesismo)

Ed eccoli lì, sgamato il sabotatore…LA MEDIOCRITA’!

E allora sai cosa ho fatto?

Ho scelta il tema dell’incontro, allinearsi all’autunno per focalizzarsi cu ciò che conta e lasciar andare ciò che rallenta…

E ho deciso di farlo al meglio, di stare nella mia ECCELLENZA.

Da quel momento l’energia ha iniziato a muoversi velocemente, ho inviato le info, sono arrivate al mio test pratico 13 persone quasi tutte nuove e…ho avuto SUCCESSO!

In più sto cogliendo diverse occasioni per festeggiare che non fa mai male;-)

E tu, cosa vuoi lasciare andare del tuo approccio in questo autunno? Qualunque cosa sia stai pur certa che una volta fatto si rifletterà su tutti gli altri aspetti della tua vita, lavoro, famiglia, business…

Buon taglio dei tuoi rami secchi!

Condividi sui Social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Iscriviti alla Newsletter e scarica subito l’omaggio

Contattami per avere informazioni